ARI
Home
Dott. Calice Donato- Relazione Biodiversità PDF Stampa E-mail
Scritto da <a href="http://www.arimelfi.it/cms/index.php?option=com_comprofiler&amp;task=userProfile&amp;user=68&amp;Itemid=58">i8wwh</a>   
Venerdì 25 Febbraio 2011 01:30

 

12 Dicembre 2010 MELFI

ANNO INTERNAZIONALE DELLA BIODIVERSITA'

 

 Relazione del Dott. Calice Donato

 

 

 

 


Biodiversità,la base della vita

VITA questo è ciò che almeno finora distingue il nostro pianeta dagli altri. La BIOSFERA è come una pellicola che ricopre la terra,dalle cime più elevate alle fosse più profonde.

La biodiversità o diversità biologica altro non è che la manifestazione della Biosfera,la ricchezza della vita sulla terra.

Essa si esprime a più livelli:

  1. Genetico (intraspecifico) - diversità tra individui della stessa specie;

  2. Di specie (interspecifico) – diversità tra specie differenti;

  3. Di ecosistema – diversificazione del numero delle classi presenti,ovvero dei singoli elementi(individui,specie,comunità ) nelle diversi classi.

Occorre precisare,aquesto punto,che oggi sono state classificate appena un milione di Specie,mentre le stime elaborate dai biologi vanno dai cinque ai dieci milioni.

Perchè dobbiamo conservare e proteggere la biodiversità?

A questa domanda si possono dare diversi tipi di risposte.

Innanzitutto,la natura dovrebbe essere conservata per il solo fatto che esiste. Questo argomento però non reggerebbe molto davanti a persone che non riescono a vedere e capire il valore intrinseco della nature,per cui diciamo che la Biodiversità assicura la vita sul nostro pianeta in quanto:

  1. Mantiene “ gli equilibri climatici (ossigeno dalle piante,riciclo dei gas)

  2. E' una fonte inesauribile di materiale da studio;

  3. Garantisce ed assicura fini e scopi alimentari,medicinali,turistici.

Facciamo alcuni esempi pratici:

la diversita genetica dell'uva rende rende possibile avere vitigni diversi e tantissimi tipi di vino;

la diversità dei lieviti rende possibile la produzione di svariati tipi di yogurt;

la diversità di alberi rende svariati legni pregiati e diversificati;

la diversità di animali da lana offre tanti tipi di lane di gran valore,e così via, gli esempi potrebbero moltiplicarsi all'infinito.....

Conviene dunque tutelare la conservazione della BIODIVERSITA' sul pianeta.

I danni da perdita di specie si articolano a vari livelli e davvero infiniti sarebbero gli esempi che si potrebbero citare per evidenziare il fenomeno.

Ne scegliamo uno famoso,che rende l'idea.

Esisteva una rana in australia del genere PLATYBUS,la quale,poichè incubava i piccoli nello stomaco, secerneva una proteina inibente la secrezione di Hll gastrico,al fine di proteggere i piccoli dall'aggressione dell'acido.

Lo studio di quella proteina sarebbe risultato molto utile per lo sviluppo di innovativi medicinali antiulcera.

Purtroppo, però, la rana si è estinta a metà del secolo scorso....

Concludendo,dunque,è evidente che l'importanza della biodiversità è ormai una realtà riconosciuta che si esprime in una miriade di modi diversi e che và assolutamente conservata e garantita.

Essa è data principalmente dal fatto che la vita sulla terra (umana compresa) è possibile grazie ai servizi forniti dagli ecosistemi:

    1) di forniture ( cibo,acqua,legno,fibre,ecc..);

    2) di regolazione ( stabilizzazione climatica,assesto

    idrogeologico,barriera alla diffusione di malattie,

    riciclo dei rifiuti,qualità delle acque,ecc...);

    3) culturali ( valori estetici,ricreativi e spirituali);

    4) disupporto ( informazione del suolo,fotosintesi,

    riciclo nutrienti).

    La speranza e l'augurio è che per il futuro i vari paesi inpegnino sempre più, in azione coordinata a più livelli,i propri governi a conservare la diversità delle forme di vita sulla terra,per gli inestimabili vantaggi che abbiamo visto derivarne.

    E' un augurio motivato dal fatto che,per fortuna,a partire dal vertice mondiale di Rio de Janeiro del 1992, dove per la prima volta si è iniziato a parlare di conservazione ed uso sostenibile della BIODIVERSITA',numerosissimi sono stati gli incontri internazionali successivi, con una sempre crescente sensibilizzazione dei paesi aderenti all'iniziativa,fino al 2006,in cui l'ONU ha deciso di proclamare il 2010 “ANNO INTERNAZIONALE DELLA BIODIVERSITA'”,con lo scopo preciso di monitorare,sostenere ed eventualmente potenziare nel tempo tutte le azioni mirate al suo mantenimento.

     

    Dr. Donato Calice

     

     

    Al centro della foto il Dr. Donato Calice alla sua sinistra la moglie.

    a dx i8wwh

     

     

     

     

     

Ultimo aggiornamento Venerdì 25 Febbraio 2011 16:27